Crea sito

Kernel Netbook: Diego Ferigo lo sviluppatore del progetto risponde ad alcune domande

linuxIl Kernel Netbook è un progetto davvero interessante portato avanti da Diego Ferigo. Si tratta di una versione del kernel Linux ottimizzata per netbook sia di vecchia generazione (come i famosi acer aspire one d150 e a150) e sia i nuovi modelli (come gli Asus eeePC 1011px e altri della serie). Il kernel Netbook è testato e mantenuto aggiornato per Arch Linux, ma ciò non significa che non potrete utilizzarlo su , o altre distro RPM.

Asus 1011px

Asus 1011px

Abbiamo posto alcune domande a Diego Ferigo lo sviluppatore del progetto kernel netbook. Si tratta di interrogativi che spesso gli utenti in giro per il web si chiedono senza trovare risposte soddisfacenti. Ecco quindi i pareri di uno che nel kernel ci “vive” quotidianamente. Speriamo che questa possa esservi d’aiuto!

1. Consiglieresti ad un utente con una versione di Ubuntu LTS (kernel 3.2) di aggiornare il suo kernel magari con 13.04 e kernel netbook?

A mio avviso il kernel-netbook ha ancora qualcosa in più dei kernel stock (sia ubuntu che arch) anche se rispetto ad anni fa i vantaggi si sono via via ridotti. Tempo fa c’erano differenze dal punto di vista dei consumi, di configurazione per esempio dello scaling della , di spazio sui modelli con ssd ridotto, e le varie novità dell’epoca come il kms erano supportate sin dall’inizio. Adesso i consumi sono praticamente uguali, le varie voci acpi sono le stesse (temperature, ventole, governor, etc). I miglioramenti derivano prevalentemente dalle patch esterne: l’uksm abbassa il consumo di ram, il bfq offre una miglior gestione sulle scritture disco e il bfs è meglio orientato al multicore e all’utilizzo desktop. Infine c’è il tuxonice, conosciuta patch per l’ibernazione.
Quindi la risposta è sì, ma prima mi assicurerei che i deb che si installano (da progetti dipendenti da kernel netbook) seguano interamente lo sviluppo che porto avanti per Arch.
Poi devo dire che vista la base di partenza molto ristretta dal punto di vista dei moduli, è possibile che manchino dei moduli per far funzionare dei devices o ottenere delle caratteristiche poco utilizzate. Ti faccio un esempio,l’altro giorno un utente mi ha fatto notare che non c’è il supporto alla condivisione della rete via ethernet, in vari anni a me non era mai servito e nessuno me l’ha chiesto. La prossima release supporterà questa funzione. Non posso quindi  assicurare che tutto l’ disponibile sia supportato, questa invece è una caratteristica necessaria per i kernel generici (stock). Nel caso mancasse qualcosa a parte casi particolari non ho problemi ad aggiungere il supporto.

2. Quale distro a tuo avviso risponde meglio su un netbook in termini prestazionali e di gestione dei consumi energetici?

A parità di kernel e installati (compreso il desktop environment) tutte le distro sono pressoché identiche. Tutti i provvedimenti dal punto di vista dei consumi sono fornite dal kernel, poi sta all’utente sfruttarle o meno (intendo tutte le voci in /sys e /proc). Io ho dei miei script acpi, utilizzabili su qualsiasi distribuzione. Se poi vogliamo analizzare il default di ogni distro, beh, non posso fare paragoni visto che negli ultimi 4 o 5 anni ho usato solo Arch!

3. Quanto lavoro c’è ancora da fare affinché il kernel linux senza modifiche possa realmente tener conto dei consumi energetici dei portatili?

Non c’è una risposta valida, i developer upstream fanno il massimo per migliorare prestazioni e consumi. Attualmente mi ritengo soddisfatto di quanto ho sotto mano, e credo che le novità a riguardo in futuro non mancheranno. Infine, se “senza modifiche” intendi senza applicare patch esterne come faccio col kernel-netbook, ti posso dire che le differenze sono perlopiù prestazionali e non attinenti ai consumo.

4. Consiglieresti ad un utente con una versione di (Kubuntu, Xubuntu, Lubuntu 12.04) con kernel 3.2.x di aggiornare alla versione 13.04?
La 3.2 è “vecchiotta” come release, dal punto di vista delle performance non credo sia cambiato un granchè e anche da quello dei consumi dovrebbero essere abbastanza allineati. Ho sempre seguito lo sviluppo upstream quindi eventuali modifiche io le ho avute piano piano nei mesi, non mi sembra aver mai notato considerabili differenze ma se riesci a recuperare/crearti un pacchetto deb del 3.9 che rilascerò tra un po’ (c’è un bug nello shutdown attualmente) puoi fare qualche test di utilizzo.
Diciamo che rispetto al kernel che hai su xubuntu le differenze sono date dalle patch esterne: bfq, bfs, uksm, toi, di per se snellire solo il config visto il buon stato dei kernel stock non porta a grossi incrementi prestazionali.

Alcune delle caratteristiche del kernel netbook sono:

  • Ottimizzato per Atom CPU (CONFIG_MATOM)
  • Gestione energetica migliore
  • Firmware aggiuntivi
  • Tux On Ice support
  • Supporto nativo per lo scaling CPU

Cosa aspettate? Vi ha convinto? Correte subito a scaricare il kernel netbook! Per una guida ufficiale potete consultare il wiki.

 

  • http://pajtimbajrami.com PajtimBajrami

    i Netbook tra un paio di anni non saranno più in produzione.
    e uno spreco di tempo a lavorare per un netbook kernel destinato ad non essere mai usato

    • http://bitsparrow.altervista.org Salvatore Caputo

      Adesso potrebbe esserlo (infatti Diego ci ha parlato dell’arrivo di una versione per ultra book). Il progetto netbook kernel ha diversi anni però ed ha dato un ottimo contributo a chi di netbook con Linux ne ha avuti di problemi in passato. Grazie e continua a seguirci!